vitamina D funzione e valori di riferimento
403
page-template-default,page,page-id-403,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive,elementor-default

La vitamina D è una vitamina appartenente ad un gruppo degli steroidi, in particolare ad un gruppo di pro-ormoni liposolubili. E’  conosciuta soprattutto per la sua funzione nel sostenere l’assorbimento del calcio e del fosforo dal tratto gastrointestinale. L’organismo produce vitamina D tramite la conversione della vitamina D2 in D3, il colecalciferolo, e questo avviene tramite esposizione alla luce solare. La vitamina D ottenuta dall’esposizione solare o attraverso la dieta è presente in una forma biologicamente non attiva e deve subire due reazioni di idrossilazione per essere trasformata nella forma biologicamente attiva, il calcitriolo. Quando i livelli di calcio e fosforo diminuiscono, il paratormone prodotto dalle paratiroidi viene rilasciato per aumentare la conversione della vitamina D nella forma attiva. Si pensa che la vitamina D svolga un ruolo importante anche in altri distretti corporei, come per esempio cui il sistema cardiocircolatorio, l’apparato muscolare, il sistema immunitario.

La forma che viene dosata su sangue è la vitamina D3 tramite metodi immunoenzimatici.

Unità di misura: ng/ml

Valori di riferimento:

< 10 ng/ml : Carenza

10-30 ng/ml: Insufficienza

30-100 ng/ml: Sufficienza

>100 ng/ml: Tossicità