Alimentazione - Laboratorio Analisi del sangue a Lentini
427
page-template-default,page,page-id-427,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive,elementor-default

Linee guida sulla alimentazione

Una alimentazione corretta è la base di un buono stato di salute generale, che, secondo una definizione dell’OMS  è “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale” e non la semplice assenza dello stato di malattia o infermità”. L’alimentazione odierna è molto diversa dall’alimentazione di 30 anni fa. Infatti, la possibilità di nutrirsi con una enorme varietà e ricchezza di cibi è diventata sempre più attuale per la grande maggioranza della popolazione. Allo stesso tempo, ciò ha favorito la tendenza a mangiare più del necessario o in maniera irrazionale, creando squilibri fra i diversi componenti dell’alimentazione ed aumentando il rischio di malattie quali il diabete, l’arteriosclerosi e l’ipertensione. Invece una alimentazione sana deve garantire i cosiddetti LARN, cioè i livelli di assunzione raccomandati di energia e nutrienti

I nutrienti

I nutrienti, cioè i componenti dei cibi, vengono tradizionalmente suddivisi in macronutrienti e micronutrienti. Sono macronutrienti i carboidrati, i lipidi e le proteine, perché quantitativamente costituiscono la massima parte degli alimenti. Micronutrienti, invece, sono le vitamine e i sali minerali, rappresentati in quantità dell’ordine di milligrammi e talora di microgrammi. I cibi inoltre provengono da due fonti disponibili per l’uomo, quella animale e quella vegetale. Da esse, egli ottiene tutto ciò che gli necessita per crescere e successivamente, completato lo sviluppo, per mantenere integro l’organismo nelle sue funzioni.